La Birra Artigianale di Ferrara

marcelloBF

Foto di Giacomo Brini

Birra FRARA nasce dalla passione del birraio Marcello Colombari, che ha voluto unire l’amore per la birra a quello per il territorio di cui è originario, la città di Ferrara. Ha quindi rappresentato, con ogni birra, un aspetto o un personaggio tipici della storia ferrarese.

Perchè scegliere la birra artigianale Frara?

icon1

Non si bada a spese!

Birra Frara è fatta con materie prime scelte e sempre fresche, si sente dal gusto e dal profumo!

icon3

E’ Viva!

Non subisce i nefandi effetti della pastorizzazione, rimanendo un prodotto vivo che evolve in bottiglia, mantenendo così tutte le proprietà nutritive.

icon2

Non è asettica!

Non è microfiltrata, guardala controluce ha una leggera velatura che ne riflette la genuinità.

icon4

Niente mal di testa il giorno dopo!

Non contiene conservanti o additivi, si conserva solo grazie all’azione dell’alcool e del luppolo.

Come nasce la birra artigianale Frara?

sfondo

Ecco le fasi che danno alla luce la birra:

  • Scelta della ricetta: si selezionano le materie prime in base alla birra che si intende realizzare e si mette a punto la ricetta. Anche l’acqua ricopre un ruolo fondamentale nel gusto finale.
  • Mash (ammostamento): i grani di malto d’orzo e di altri eventuali cereali vengono macinati e immersi in acqua calda, in modo che rilascino il loro contenuto zuccherino e il colore, creando il mosto. Alcune birre (tipicamente tedesche e belghe, ma non solo) traggono la maggior parte del loro gusto dal malto e quindi in questa fase prendono la loro impronta più decisiva.
  • Bollitura: il mosto viene portato ad ebollizione e viene aggiunto il luppolo da amaro. Questo dona alla birra più o meno amaro a seconda della tipologia e della quantità usata. A fine bollitura si aggiunge invece il luppolo da aroma, che in alcune birre è poco avvertibile, mentre in altre è protagonista assoluto: è il caso delle ales inglesi su tutte.
  • Filtrazione (sparging): il mosto viene fatto decantare ed i grani stessi diventano così un filtro. E’ così possibile separare il liquido che diventerà poi birra dalle trebbie dei grani, che faranno la felicità di qualche animale da allevamento.
  • Fermentazione: perchè il mosto luppolato si trasformi in birra, è necessaria l’azione del lievito. All’interno del fermentatore, buona parte dello zucchero viene tramutato in alcool, il resto dona corpo e dolcezza. Inoltre, ogni tipo di lievito dona particolari caratteristiche alla birra sotto forma di aromi. Alcuni lieviti, come quello per le weizen tedesche, sono decisamente riconoscibili: si può dire che se le weizen sono così particolari è in gran parte merito del lievito.